8 thoughts on “(Italiano) “Breve Storia del Flipper in Italia”, di Paolo Missiroli

  1. ciao paolo io ero un assiduo giocatore di flipper e tutto ciò rispecchia la mi infanzia anche se devo dire che dei flipper elettromeccanici non ricordo quasi nulla tranne il flipper con tarzan raffigurato che mi sembra sia jungle dove in quel bar una volta raggiunto un certo punteggio (dopo aver acceso lo special con gli asterischi)regalavano 1000 lire e noi investivamo le 100 lire con ragazzi più grandi di me che saoevano giocare.
    poi arrivarono finalmente(ma ero già abbastanza grande)i flippers elettronici e in particolare la “FAMIGLIA ADDAM” con cui mi divertii tantissimo anche perché con500 lire stavo li a giocare e ore e vendevo le partite vinte e mi facevo anche 5000 lire il gestire della sala giochi vome mi vedeva entrare si metteva le mani nei capelli poveraccio ,

  2. Ciao Paolo, ho letto tutto di un fiato il tuo racconto ed anche se a longitudini diverse devo dire che mi sono ritrovato in pieno nella descrizione che hai fatto degli avventori dei bar che consideravano il noleggiatore-riparatore di flipper un super-eroe di quei tempi. In effetti ero uno di quelli, un ragazzo che frequentava uno dei bar del mio paese dove c’era un bellissimo Top Hand e devo dire che il momento in cui arrivava il tecnico era per me un vero e proprio spettacolo. Vedere aprire la gettoniera, togliere il poggiamani, sfilare il vetro e alzare il piano di gioco mi dava un emozione grandissima. Grazie di nuovo per avermi fatto rivivere le emozioni di quei momenti e per avermi illustrato in maniera coinvolgente qualche aneddoto di storia di quegli anni.
    Devo aggiungere che un’altra bella emozione l’ ho provata qualche anno fa quando il giorno del mio compleanno mi sono ritrovato anch’io davanti a quella montagna di flipper che hai citato e sono contento di sapere che ti occupi ancora con dedizione di quelle creature. Spero rivederti presto.
    Un Abbraccio.
    Rino

  3. mariobarone62 sul forum vecchi flipper ci sono stato per un certo periodo aiutando tantissimi a risolvere i problemi dei loro amati giocattoli unitamente a Giuliano Lodola, poi improvvisamente io mi sono trovato escluso e tacciato di credere di essere una prima donna…. ho avuto moltissimi messaggi di sostegno e simpatia, assieme a Lodola, a un disegnatore tecnico eccezionale e a un esperto di computer avevamo già fatto le schede dettagliatissime corredate di disegni tecnici con descrizioni di montaggio, misure e tolleranze, valori di resistenza delle varie bobine, stavamo per iniziare a girare filmati con la regia di Seibu, esperto di computer e filmografia, per evidenziare le fasi e i metodi di riparazione più appropriati e di individuazione dei vari difetti più complicati da trovare ma ci fu appunto il blocco da parte del webmaster e nessuno ha mai saputo il perchè. In molti mi hanno chiesto di passare sopra a certe idee ma il mio carattere non è in linea con i ripensamenti quando sono certo di non aver sbagliato o di aver offeso qualcuno perciò mi sono ritirato. Ho scritto la storia del periodo che ci ho lavorato su Face Book e l’amico Croci mi ha chiesto di pubblicarla , la cosa mi ha reso estremamente contento perchè è stato uno dei periodi felici e spensiarati della mia felice vita. Ciao

    1. con molto dispiacere sentiamo la tua mancanza e il tuo apporto al forum e devo dire che basta veramente poco perche una persona prenda certe decisioni
      ma privare noi atei della vostra grande esperienza di quello che ci avete trasmesso e di quello che avreste potuto trasmetterci ancora e realizzare un percorso di continuita con voi grandi tecnici ci provoca un’immenso dispiacere

    2. Ciao Paolo sono arrivato da poco nel mondo del flipper e grazie al forum vecchiflipper (Giuliano) mi ha fatto riparare i problemi che aveva.
      Ho letto molti tuoi interventi in passato e devo farti i miei complimenti per come li hai trattati e brillantemente risolti.
      Peccato di non poterti ancora trovare nel forum, rispettando (sigh) la tua decisione, “mi accontentero’ ” di leggere questa tua “storia del flipper”, proprio bella, complimenti…..
      Grazie ciao Marco

  4. Ringrazio sentitamente l’amico Federico Croci per aver pubblicato questo aneddoto di vita vissuta e spensierata ma sopratutto per la passione e il tempo che sta profondendo per tramandare questo ritaglio importante e bellissimo di vita italiana. Bologna poi penso fosse la CAPITALE italiana del flipper, erano diversi gli importatori e distributori dei vari marchi. Poi negli anni ’70 ci sono stati diversi ex noleggiatori che sono diventati PRIMA modificatori di flipper usati fatti in “copia” degli originali per poi rimetterli sul mercato poi alcuni COSTRUTTORI EX NOVO con tipologie di gioco personalizzate e che hanno avuto un grande successo, poi c’è stato l’avvento del flipper elettronico e praticamente la sua morte. Un grazie a tutti coloro che hanno dedicato un pò del loro tempo per leggere questo spicchio importante di vita italiana dove tutto lasciava presagire un roseo e spensierato futuro, cosa che si è avverata ma che ora non sembra incanalata per il verso giusto.

  5. una bellissima storia dove si capiscono certi valori di persone che amavano il proprio lavoro facendolo prima per vivere e poi ora per passione una passione che meglio primo dovrebbe continuare a trasmetterci anche nei forum “la riparazione dei flippers” forum vecchi flipper con persone come lodola webmaster e altri eroi di questa bellissima storia

Leave a Reply to Marco Cancel reply