3 thoughts on “(Italiano) “Pharaoh” (Williams, 1981)

      1. Si, Zoser
        Immagina quante difficoltà a costruire un flipper tanto complesso per una aziendina piccolissima come noi.
        E pensa che tutto nasceva all’interno dei nostri due laboratori, anche i piani gioco e vetro testa li stampavamo nella nostra serigrafia interna attrezzata con macchine automatiche che lavoravano soltanto tre volte l’anno per i dieci giorni Impiegati a stampare 250-300 completi.
        Falegnameria interna per fare cassoni e pantografi copiatori per i piani in legno.
        Impianti verniciatura a vernice a pressione non cabina verniciatura .
        Chi visitava i nostri locali si stupiva vedendo macchine che lavoravano mai viste prima , pensa che anche. il filo elettrico dei cablaggi lo costruivamo da soli E quattro macchine tracciatrici rivestivano il trefolo di rame, BEDINI fili rivestiti in cotone, che avventure preparare tante attrezzature apposite.
        E poi la parte elettronica nostra con schede elettroniche a quattro giocatori.
        Il momento più bello era il periodo della fiera campionaria di milano dove esponevamo i nostri flipper, due apparecchi ultimo modello e due modelli precedenti, identici agli originali americani con il solo Nome cambiato, quante liti con gli importatori dell’originale.
        Anni di fatiche per progredire e ingrandire e poi alla fiera di milano dove esponevamo ecco apparire un mobile strano con monitor b/n che faceva vedere una battaglia con alieni, INVADER , fu veramente l’invasione di questi video gioco che decretarono la fine dei flipper sia americani che delle tre fabbriche italiane.
        Fatiche, notti di studi e soldi buttati al vento.
        Vedendo questo flipper tutto torna alla mente.
        Non ricordo ma credo sia stato l’ultimo flipper costruito per lasciare posto ai videogioco.
        Nulla è eterno e l’avvento dei poker chiuse l’era anche dei videogioco.
        Poi subentrarono i giochi ultimi gestiti dai Monopoli ed ecco il miracolo, tutti i giochi proibiti per cinquanta anni perché ritenuti d’azzardo e dannosi sono stati santificati sotto l’ala dello stato che socio nel bene si prende la parte più consistente degli incassi.
        Ma la magia del flipper resta più sentita di allora e questi apparecchi ormano molte case di chi aprendone uno resta pensieroso incredulo di quanta tecnica ci fosse in quei 50 lire giocati.

Leave a Reply to Giuliano Lodola Cancel reply